New Call for Papers: Polytheisms in the Ancient Mediterranean world

IV Incontro sulle Religioni nel Mediterraneo Antico

Politeismo

Costruzione e Percezione delle Divinità nel Mediterraneo Antico

10-14 giugno 2014, Velletri (Roma)

 Call for Papers

Il convegno intende creare un’occasione di dibattito e confronto volta ad analizzare da un punto di vista storico-religioso ed interdisciplinare le modalità di “costruzione” culturale delle divinità nei sistemi a carattere politeistico presenti nel Mediterraneo Antico. Tenendo presente le testimonianze documentarie, sia letterarie che iconografiche, si tenterà di rispondere alle domande: cosa definisce un’entità come dio? come la si crea? quali sono le sue funzionalità? quanto la usuale definizione tipologica di “Politeismo” è atta a descrivere i sistemi ideologi nelle quali esse sono operanti?

Punti di partenza e riferimento per una riflessione condivisa saranno due studi “classici” sull’argomento: A. Brelich, Politeismo, Roma 1960 (riedito nel 2007 a cura di M. Massenzio e A. Alessandri); D. Sabbatucci, Politeismo, 2 voll., Roma 1998.

Nel dettaglio, potranno essere oggetto delle relazioni i seguenti temi:

  1. Il termine e il concetto di “Politeismo” come tipologia di analisi storico-religiosa.
  2. Il termine e il concetto di “divinità” come tipologia di analisi degli esseri extra-umani presenti nelle diverse civiltà.
  3. I termini e i concetti ritenuti equivalenti a “divinità” nelle culture dell’area dell’antico Mediterraneo, così come nei sistemi culturali ad esso esterni per un raffronto di carattere storico-comparativo.
  4. Il rapporto del Cristianesimo e più in generale delle religioni a carattere monoteistico con i sistemi religiosi usualmente definiti “politeisti”. Come il Cristianesimo ha contribuito alla nascita del concetto stesso di “politeismo” e di “religione pagana”?
  5. Le modalità di comunicazione tra l’uomo e la divinità nei singoli sistemi culturali (culto, divinazione, ecc.).
  6. Cosa differenzia tipologicamente e secondo parametri interni le divinità rispetto ad altri esseri extra-umani nelle specifiche culture oggetto di indagine?
  7. Come si caratterizzano i luoghi di culto delle divinità o comunque i luoghi ad esse legati in rapporto alle caratteristiche del dio e alla sua sfera d’azione?
  8. Le modalità rappresentative (iconografiche e letterarie) delle divinità, in relazione a come esse ne sottolineino, eventualmente anche come mezzo stesso di espressione, le caratteristiche e la sfera di azione del dio, come comunichino questi significati e quanto contribuiscano alla percezione/costruzione stessa della divinità in un rapporto di reciproca influenza.
  9. Le correnti di pensiero (filosofiche, religiose, ecc.) che all’interno dei sistemi a carattere politeistico ne criticavano la concezione del divino.
  10. Studio a carattere storico-comparativo dei sistemi usualmente ritenuti “politeisti” esterni all’area del Mediterraneo antico (India vedica, Germani, ecc.). Si può effettivamente parlare di “politeismi”? quali sono le loro peculiarità? quali le analogie e le differenze con le religioni del Mediterraneo antico?
  11. Studio delle analogie e delle differenze dei sistemi religiosi del Mediterraneo antico usualmente definiti “politeisti”. Quali sono le peculiarità? effettivamente la nozione di “politeismo” descrive in maniera efficacia i loro tratti specifici?
  12. «In Occidente non è stato un monoteismo astratto ad eliminare il “paganesimo”, bensì una determinata religione monoteista, vale a dire il Cristianesimo» (A. Brelich). Analizzare le motivazioni storiche e storico-religiose che hanno portato a questo esito.

Il convegno è strutturato in 4 aree tematiche di ricerca:

  1. Egitto e culture del Vicino Oriente antico (coordinatore Paolo Xella – Istituto di Studi sul Mediterraneo Antico)
  2. Grecia e Roma antica (coordinatore Ileana Chirassi Colombo – Università degli Studi di Trieste)
  3. Primo Cristianesimo (coordinatore Emanuela Prinzivalli – Sapienza Università di Roma)
  4. Area Storico-Comparativa (coordinatore Sabina Crippa – Università Ca’ Foscari di  Venezia)

Segreteria organizzativa: dott. Igor Baglioni (Museo delle Religioni “Raffaele Pettazzoni”)

Gli studiosi interessati a presentare un contributo possono inviare un abstract di non più di una pagina (max 2.000 battute) al dott. Igor Baglioni (igorbaglioni79@gmail.com) entro e non oltre il giorno 1 aprile 2014.

All’abstract dovranno essere allegati: il titolo del paper; l’area prescelta; una breve nota biografica degli autori; un recapito di posta elettronica; un recapito telefonico. L’accettazione dei papers sarà comunicata (via posta elettronica) alle persone interessate entro il 10 aprile 2014. Entro il 20 maggio 2014 dovrà essere consegnato (sempre in via posta elettronica) il paper corredato da note e bibliografia. La consegna del paper è vincolante per la partecipazione al convegno.

 Date da ricordare:

  • Chiusura call for papers: 1 aprile 2014.
  • Notifica accettazione paper: 10 aprile 2014.
  • Consegna paper: 20 maggio 2014.
  • Convegno: 10-11-12-13-14 giugno 2014.

La partecipazione al convegno è gratuita. I relatori residenti fuori la provincia di Roma saranno ospitati nelle strutture convenzionate al Museo delle Religioni “Raffaele Pettazzoni”, usufruendo di una riduzione sul normale prezzo di listino. È prevista la pubblicazione degli Atti su Religio. Collana di Studi del Museo delle Religioni “Raffaele Pettazzoni” (Edizioni Quasar) e su riviste scientifiche specializzate. Le relazioni da pubblicare saranno oggetto di un peer review finale.



Citer ce billet
Stefano Caneva (2013, 19 novembre). New Call for Papers: Polytheisms in the Ancient Mediterranean world. Anathema. Consulté le 14 juin 2024, à l’adresse https://doi.org/10.58079/b5ha

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.